Siracusa
Siracusa, Marletta a GS.it: ­“Stiamo programmando senza straparlare. La famiglia Cutrufo ha sempre parlato con i fatti­“

Siracusa, Marletta a GS.it: ­“Stiamo programmando senza straparlare. La famiglia Cutrufo ha sempre parlato con i fatti­“


Le esclusive di Goalsicilia.it-Il dg degli aretusei 

Ospite del "Salottino Goalsicilia" parla il dg del Siracusa, Simona Marletta. CLICCA QUI per rivedere la puntata.

CRISI CATANIA "Mi dispiace infinitamente questa situazione che però era annunciata: ci ho lavorato per anni ma chi mi conosce sa perché ho cambiato strada, il mio modo di operare strideva con le ultime vicende. Se si avesse avuto forza e coraggio di reagire a chi si è illuso di essere ancora potente, si poteva salvare il salvabile invece si è continuato a lavorare in silenzio, ci volevano gli attributi per reagire e questo dimostra come nonostante il calcio sia un mondo di grandi uomini, di uomini veri ce n'è veramente pochi".

TORRE DEL GRIFO "Solo gente incompetente può considerarlo un fardello, se gestito da persone competenti può essere la forza del calcio Catania. Negli ultimi anni forse si è solo pensato a inserire impiegati piuttosto che al bene del centro sportivo, lo dicono i numeri e i bilanci. Parliamo di uno dei centri sportivi più importanti in Europa, io ci ho lavorato e l'ho gestito, ci ho passato 20 ore al giorno, 7 giorni su 7 e vi assicuro che i numeri non erano da fardello. La rabbia è tanta, qualcuno doveva andare via molto prima di tutti questi guai...il tempo dei fenomeni doveva finire un po' prima".

VERDETTI A TAVOLINO "Ci atterremo alle decisioni che verranno prese a livello nazionale e poi ci muoveremo di conseguenza. Qualcuno ci ha ripreso perché come Siracusa siamo rimasti molto in silenzio dopo lo stop dei campionati mentre qualcuno, e non mi riferisco alle altre società che rispetto, ha straparlato in talk show. Noi non siamo abituati a chiacchierare ma parlare di fatti concreti".

RIPARTENZA SIRACUSA DALL'ECCELLENZA "Stiamo lavorando in tal senso senza fare trasmissioni a campionato fermo come fa qualcuno che, invece, quando si gioca sparisce. La famiglia Cutrufo, in primis Gaetano, ha parlato molto poco in questa stagione però ha dato indicazioni importanti: siamo ripartiti dal basso perché lui ci ha creduto, lui parla con i fatti e non per raccontare fiabe. Abbiamo cominciato questo campionato in forte ritardo, con 7 giocatori, a dicembre abbiamo fatto di tutto per recuperare e i risultati si stavano vedendo. Non dimentichiamoci che siamo entrati nel nostro campo, al De Simone, solo a gennaio. Stiamo programmando per fare quello che si deve".

PROGETTO ARETUSEO "Qualcuno ancora rimprovera il patron Gaetano Cutrufo per aver venduto ad Alì: vi assicuro che Cutrufo ha venduto perché si immaginava, come in tanti erano convinti, che questo potesse rappresentare un salto di qualità per la squadra e la città. Questo poi non è successo e a rimetterci per primo è stato proprio Cutrufo, ve lo assicuro. Nella vita gli errori li commettiamo tutti, io per prima che non ho insistito per rimanere l'anno della Lega Pro, per fortuna, l'anno scorso ci siamo incontrati e c'è stata sintonia di progetto, vi assicuro che non sarei tornata se non avessi visto che c'è la voglia di fare le cose per bene. La famiglia Cutrufo è una famiglia di appassionati e non credo che vogliano mollare anche perché hanno sempre fatto investimenti importanti".

POSSIBILITÀ DOPPIO SALTO DI CATEGORIA "In questo momento dobbiamo solo capire quello che succederà attorno alla conclusione di questa stagione sportiva. Inoltre, per fare le cose per bene, bisogna procedere per gradi e io mi auguro di programmare al meglio la prossima stagione in Eccellenza. Parlare di Serie D mi fa sorridere ma cercheremo con impegno di fare quello che si può fare".

TIFOSERIA "Per tutto il girone di andata non abbiamo avuto a disposizione il "De Simone", poi, dal momento in cui siamo tornati nel nostro stadio, nonostante il campionato fosse quello di Promozione, abbiamo avuto 1500 spettatori, sono numeri straordinari. Ci aspettavamo presenza ancora più importante nelle ultime giornate. Credo che l'entusiasmo tornerà, i siracusani hanno voglia di una società presente e noi vogliamo dimostrarlo".

DI GAETANO "È un allenatore che ha fatto bene ovunque è andato ed è legato alla famiglia Cutrufo. Voglio spendere però una parola per il nostro tecnico, Marco Scifo, un esordiente che ha fatto piuttosto bene. Parlare di allenatore adesso, senza sapere la categoria dove saremo, è prematuro perché la Serie D, per esempio, è una categoria dove serve esperienza e si faranno le valutazioni in base alla categoria dove saremo".

TURATI "Più che un giocatore è un uomo, è venuto in diverse occasioni a vedere le nostre partite quest'anno, è legato molto alla piazza e rivederlo è stato emozionante. Ho letto che tornerebbe volentieri in società e mi fa molto piacere, per uomini come Marco c'è sempre spazio".

Vittorio Damiani
I contenuti vengono rilasciati sotto licenza Creative Commons CC-BY 4.0

Contattaci

per inviarci i tuoi articoli

Inserisci

le nostre news sul tuo sito

Seguici

sulla nostra pagina facebook

Seguici

sulla nostra pagina twitter

Seguici

sul nostro canale telegram
GoalSicilia.it © 2020 di Marcello Masotto - via G. Savonarola, 60 – 90135 Palermo – P.I. : 06659860826
Testata giornalistica telematica sportiva iscrizione n.3520/2018 al registro stampa del tribunale di Palermo
Direttore responsabile Dario Li Vigni
Loading...