LIVE!

Logo Parmonval
PRM
Logo Marsala
MAR
Inizio ore 15:30
Logo Cus Palermo
CUS
Logo Castellammare
CMR
Inizio ore 18:30
Logo Taormina
TAO
Logo Ragusa
RAG
Inizio ore 15:30
Palermo
Palermo, De Zerbi: “Con la Juve sarà gara difensiva. Ai miei chiedo di essere affamati”

Palermo, De Zerbi: “Con la Juve sarà gara difensiva. Ai miei chiedo di essere affamati”


Il tecnico rosanero presenta la sfida di domani in conferenza stampa.

Vigilia di partita in casa Palermo e come in occasione di ogni impegno ufficiale, il tecnico Roberto De Zerbi ha presentato oggi in sala stampa la sfida contro la Juventus. Questi gli argomenti trattati:

GARA PRETTAMENTE DIFENSIVA “È la prima volta che affronto la Juve e non posso sapere come si affronta nei dettagli. È la squadra più forte del campionato e dunque sarà una partita prettamente difensiva. Spero però che noi avremo anche la voglia di non subire soltanto, perché altrimenti non avrebbe senso giocare”.

SERENITA’ “La vivo con la stessa serietà, professionalità ed entusiasmo. Era dura giocare anche con la Juve Stabia, i valori però sono proporzionali. Alleno anche una squadra diversa rispetto a quella che guidavo l’anno scorso”.

TUTTI IMPORTANTI E PROTAGONISTI “Questa è una squadra dove a parte due o tre giocatori, sono tutti dello stesso livello. Uno dei miei obiettivi è quello di far sentire tutti importanti e tutti protagonisti. Chi andrà in panchina, dovrà sostenere i compagni. Questo è lo spirito che voglio dalla mia squadra. Tanti giocatori sono alle prime esperienze con questa categoria e con questo tipo di squadre”.

FAME, CATTIVERIA E CORAGGIO “Io spero che i punti che abbiamo ottenuto siano già stati cancellati nella nostra testa. Dobbiamo mantenere lo spirito e aumentare la fame, la voglia, la cattiveria e il coraggio, che è quello che ci ha permesso di vincere a Bergamo. Rispetto a Pescara, l’abbiamo cercata e voluta di più”.

NULLA DA PERDERE? NIENTE ALIBI! “Il concetto di una squadra che non ha nulla da perdere non mi piace, ma non per presunzione. Non mi piace perché inconsciamente ci si crea degli alibi e non mi piace una squadra che scende in campo delle attenuanti. Noi non potremo fare la partita, ma dobbiamo fare qualcosa che ci spinge ad andare oltre. Dentro di noi dobbiamo avere una speranza o un sogno, chiamiamolo come volete…”.

PALERMO PIENO DI POTENZIALITA’ “La Juve è la favorita numero uno per lo scudetto, si sono rinforzati tantissimo in estate. Per quanto riguarda il Palermo, mi dispiace non potere allenare con continuità perché si gioca ogni tre giorni. I ragazzi però si stanno mettendo a disposizione. Sono sempre più convinto delle qualità di questa squadra. Magari oggi si tratta più che altro di potenzialità, ma queste potranno venire fuori”.

DIAMANTI “Diamanti se non rischia infortuni muscolari gioca. Se lo staff medico, invece, dovesse dirmi che rischia qualcosa, non giocherà. Vedrete qualcosa di diverso negli undici, ma rispetto a Bergamo ci saranno diverse variazioni perché credo in tutti”.

NESSUNO SI MONTI LA TESTA “Se dopo due gol e dopo quattro punti qualcuno pensa di andare al di fuori del lecito, non ha capito nulla. È meglio che si svegli subito”.

DIFESA? A TRE O A QUATTRO NON FA DIFFERENZA “L’Atalanta a Cagliari aveva giocato con due punte e non ci aspettavamo che giocasse con due punte anche a Bergamo. In questo momento non abbiamo Trajkovski, Quaison e Diamanti non è al 100 per cento. La spinta di Aleesami e Rispoli in fase offensiva ci dà qualcosa in più. Io devo cercare di mettere i giocatori nelle condizioni ideali per loro. Questa squadra però può giocare anche con quattro difensori, di cui due terzini, Aleesami e Rispoli”.

DOBBIAMO COSTRUIRE MENTALITA’ “La Juve è la Juve, ma al di là di come andrà la partita domani, la mentalità di una squadra si deve costruire sempre, quindi anche contro la Juve. Non si può avere una mentalità di un certo tipo e poi averne un’altra nella partita successiva. Il Siviglia ha portato 13 volte la palla nell’area di rigore della Juve e la Fiorentina 22 volte. Questo dimostra la difficoltà della partita di domani”.

NESSUNA RICETTA CONTRO HIGUAIN “Non credo ci sia una ricetta contro Higuain, il campo ha detto di no. A livello tattico si può fare tutto quello che si vuole contro queste squadre, ma quello che conta di più è lo spirito”.

Luca Di Noto
I contenuti vengono rilasciati sotto licenza Creative Commons CC-BY 4.0
GoalSicilia.it © 2021 di Marcello Masotto - via G. Savonarola, 60 – 90135 Palermo – P.I. : 06659860826
Testata giornalistica telematica sportiva iscrizione n.3520/2018 al registro stampa del tribunale di Palermo
Direttore responsabile Dario Li Vigni
Loading...