Palermo
Palermo, De Zerbi: «Contro il Napoli serviranno umiltà e coraggio»

Palermo, De Zerbi: «Contro il Napoli serviranno umiltà e coraggio»


Il tecnico rosanero ha incontrato i giornalisti in sala stampa alla vigilia della sfida contro il Napoli di Sarri: «Allenatore che stimo tanto perché porta avanti le sue idee»

Giornata di conferenza stampa in casa Palermo. A parlare è stato il tecnico Roberto De Zerbi che ha incontrato la stampa alla vigilia della sfida contro il Napoli. Questi gli argomenti trattati:

PRIMA SETTIMANA «È stata una settimana particolare. Ieri abbiamo fatto doppia seduta perché è stato il giorno in cui ho avuto più giocatori a disposizione. Non ho fatto grandissimi stravolgimenti perché il tempo non me lo permetteva».

NAPOLI «Domani cercheremo di fare una buona partita per dare subito l'idea di avere un'organizzazione e un'occupazione del campo corretta. Voglio che giochiamo con umiltà, ma anche con un po' di coraggio perché questo ci deve spingere ad andare oltre. In questo momento bisogna anche essere intelligenti».

CARATTERE «Io sono un passionale, vivo tutto al 100%. L'emozione la sento, ce l'ho, ma non posso avere spazio per pensare ad altre cose che non siano questioni di campo. Da domenica sarà un'altra cosa, ma adesso voglio cercare di finire il lavoro tattico con la squadra. Soprattutto domani l'aspetto mentale conterà di più».

SARRI «Sarri è uno dei punti di riferimento che ho come allenatore. E' un motivo d'orgoglio per tutta la categoria di allenatori italiani perché porta avanti le sue idee e per questo lo stimo».

BRUNO HENRIQUE E GAZZI «I giocatori bravi sono sempre complementari: Bruno ieri ha saltato l'allenamento pomeridiano per un affaticamento. È un sudamericano che sa giocare, anche in ambienti con pressione. Cambiare continente però non è facile. Gazzi dà sicurezza, si sa già quello che ti può dare».

EQUILIBRIO «Gli equilibri non variano al variare del numero dei difensori. Si può trovare equilibrio anche togliendo un difensore e portando questo giocatore un po' più avanti. Non mi soffermo sul sistema di gioco o sullo schieramento perché voglio attenzione. Per giocare servono attenzione e disponibilità e questo è quello che ho trovato».

NIENTE GIUSTIFICAZIONI «Ci vuole tempo, io però non ho la bacchetta magica. Non bisogna però nascondersi dietro a delle giustificazioni. Non mi piace piangermi addosso, anzi mi piace cercare di affrontare tutto in maniera positiva. Qualora non ci fossero le giuste condizioni tecnico-tattiche, dobbiamo sopperire a questo con cuore, voglia e coraggio».

Luca Di Noto
I contenuti vengono rilasciati sotto licenza Creative Commons CC-BY 4.0
GoalSicilia.it © 2021 di Marcello Masotto - via G. Savonarola, 60 – 90135 Palermo – P.I. : 06659860826
Testata giornalistica telematica sportiva iscrizione n.3520/2018 al registro stampa del tribunale di Palermo
Direttore responsabile Dario Li Vigni
Loading...