Troina
Troina, sconfitta che sa di retrocessione: al “Proto” la Gelbison festeggia la promozione in Serie C-Cronaca e tabellino

Troina, sconfitta che sa di retrocessione: al “Proto” la Gelbison festeggia la promozione in Serie C-Cronaca e tabellino


Per i cilentani decisive le reti di Gagliardi, Uliano su rigore e Faella

Vittoria che vuol dire Serie C. Importantissima vittoria della Gelbison che, al “Silvio Proto”, batte il Troina 0-3 e torna a Vallo della Lucania con il pass per la prossima Serie C. Per i campani decisive le reti di Gagliardi al 43’, Iuliano all’86’ e Faella al 92’. Di seguito la cronaca e il tabellino del match.

PRIMO TEMPO: La prima occasione del match è per la Gelbison al 1’ con Sparacello che, dal limite dell’area, calcia piano e centrale, nessun problema per Faccioli che blocca la sfera. Al 9’ risponde il Troina: imbucata di Corcione per Fratantonio che, solo davanti al portiere, spedisce alto, l’arbitro però ferma tutto per fuorigioco. Al 18’ Troina ancora pericoloso con Fratantonio che raccoglie una corta respinta della difesa e, dal limite dell’area, prova il tiro verso la porta, D’Agostino in tuffo blocca il pallone. Al 22’ rossoblù ancora all’arrembaggio, questa volta a provarci è Boufous che, da circa 25 metri, prova il tiro, palla che termina di poco alta. Al 25’ a provarci è Mbaye che, di testa, manda il pallone sopra la traversa. Al 26’ tornano a farsi pericolosi gli ospiti con Chinnici che raccoglie un ottimo filtrante e prova il tiro, palla che fa la barba al palo. Al 31’ occasionissima per gli ospiti con Sparacello che a pochi passi dalla porta calcia incredibilmente fuori. Al 39’ team nebroideo vicinissimo al vantaggio con Ficarrotta che, dal limite dell’area, sfiora l’incrocio dei pali. Al 43’ Gelbison che passa in vantaggio con Gagliardi che prima approfitta di un errore difensivo e poi butta la palla in porta. Senza concedere recupero l’arbitro fischia la fine della prima frazione.

SECONDO TEMPO: La prima occasione del secondo tempo è per il Troina con un colpo di testa di Corcione, D’Agostino compie un autentico miracolo e nega la gioia del gol al numero 8 ennese. Al 49’ si rende pericolosa pure la Gelbison con un colpo di testa di Oggiano, Faccioli in tuffo respinge la minaccia. Al 61’ ospiti ancora pericolosi con un calcio di punizione di Gagliardi, Faccioli fa buona guardia e nega la gioia della doppietta personale al numero 10 cilentano. Al 64’ tornano a farsi avanti i padroni di casa con Lorefice che, dal limite dell’area, calcia alto. All’80’ a provarci è Denkovski che, ottimamente servito da Ficarrotta, prova il tiro verso la porta, conclusione che però è debole e non crea problemi a D’Agostino. All’83’ D’Agostino è monumentale e nega la gioia del gol a Ficarrotta che, su punizione, aveva indirizzato il pallone all’incrocio dei pali. All’86’ la Gelbison raddoppia con Uliano che trasforma il penalty. Al 92’ arriva addirittura il tris dei cilentani con Faella che salta due avversari e insacca alle spalle del portiere. Dopo cinque minuti di recupero l’arbitro decreta la fine delle ostilità.

IL TABELLINO:

TROINA (3-5-2): Faccioli; Falla, Mbaye, Indelicato (81' Cardella); Camacho, Lorefice (81' Cristaldi), Boufous (54' Denkovski), Corcione, Fratantonio; Leone, Ficarrotta. A disp.: Mennella, Ruffino, Gargiulo, Carcagnolo, Carrubba. All. Galfano.

GELBISON (3-4-3): D’Agostino; Marchetti, Chinnici (69' Ferrara), Barbetta; Uliano, Fornito, Conti, Graziani (85' Onda); Gagliardi (76' Ambro), Sparacello (66' Khoris), Oggiano (57' Faella). A disp.: Gesualdi, D’Angelo, La Gamba, Ortolini. All. Esposito.

ARBITRO: Silvestri di Roma 1 (Marucci-Mascali).

MARCATORI: 43' Gagliardi, 86' rig. Uliano, 92' Faella.

NOTE: Ammoniti Barbetta, Camacho. Espulso al 55' Di Mauro.

Flavio Fiore
I contenuti vengono rilasciati sotto licenza Creative Commons CC-BY 4.0
GoalSicilia.it © 2022 di Marcello Masotto - via G. Savonarola, 60 – 90135 Palermo – P.I. : 06659860826
Testata giornalistica telematica sportiva iscrizione n.3520/2018 al registro stampa del tribunale di Palermo
Direttore responsabile Dario Li Vigni
Loading...