Sant'Agata
Sant’Agata, la Befana porta cenere e carbone: il Roccella si impone al “Fresina”-Cronaca e tabellino

Sant’Agata, la Befana porta cenere e carbone: il Roccella si impone al “Fresina”-Cronaca e tabellino


Decide per i calabresi una rete di Carrozza in avvio di ripresa.

La Befana porta il carbone (zero punti) nella calza del Sant'Agata e oro (tre punti) in quella del Roccella che espugna il "Fresina" grazie alla marcatura di Carrozza, MVP dell'incontro per la mole di palloni toccati e del gioco prodotto.

Altrettanto numerosi sono stati i calci piazzati avuti dai padroni di casa non sfruttati a dovere: se non riesci a sfondare la retroguardia avversaria, per quasi tutti i novanta minuti, proponendo azioni palla al piede i cross e i calci di punizione devono quantomeno creare pericoli seri per la porta di Commisso. Il portiere ospite, infatti, ha avuto da fare soltanto verso la fine della prima frazione quando Mistretta ha avuto una doppia occasione nel giro di pochi istanti. Il 2021 comincia male per i biancazzurri che contro un'avversaria diretta per la salvezza torna a casa a mani nude. 

PRIMO TEMPO: Rivoluziona in parte la formazione mister Ferrara viste le assenze importanti (Favo e Perkovic) schierando come mezzala Cicirello e in difesa due under come Dama e Biondo. La prima conclusione del match (5') è di marca amaranto con Samake che dialoga con Carrozza al limite dell'area e calcia col corpo all'indietro: la sfera, infatti, termina abbondantemente sopra la porta di Bruno. Replicano i padroni di casa pochi minuti dopo con Mistretta, il quale apre il compasso del mancino senza centrare lo specchio. Al quart'ora la gara stenta a decollare anche per il peso dei punti in palio, nessuna delle due compagini vuole scoprirsi troppo per dare il fianco all'avversaria. Cinque minuti dopo iniziativa personale di Cicirello che soffia il pallone a un difensore roccellese, lo mette tagliato e velenoso al centro non trovando alcun suo compagno pronto a deviarlo in porta. Oltrepassata la mezz'ora delle ostilità ancora nessuna emozione a riscaldare i cuori dei supporters che stanno osservando la disputa online: servirebbero le giocate individuali per infiammare il "Fresina". Al 39' Aveni si auto-lancia verso la porta avversaria quando invece poteva cedere la sfera ai suoi compagni defilati. Potenziale opportunità non sfruttata dagli uomini di Ferrara dato che c'era una situazione di superiorità numerica: difesa del Roccella, in quel frangente, colta di sorpresa. Avrà un'altra occasione Aveni, ma l'attaccante si intestardisce cercando un dribbling di troppo perdendo la sfera. Sul finire del primo tempo i biancazzurri hanno due palle gol. Al 43' Cicirello spizza di testa per Mistretta il quale col destro trova i guantoni di Commisso; 60 secondi dopo nuovamente il numero 9, suggerito da Alagna, non completa il tap-in da pochi passi in virtù dell'ottima chiusura del portiere. Termina così a reti bianche il primo tempo. 

SECONDO TEMPO: Entrambi i tecnici non adoperano alcuna sostituzione all'alba della ripresa, stessi 22 del primo tempo. Al 49' il destro di Samake su punizione è telefonato per Bruno che blocca senza troppi problemi. Come un fulmine a ciel sereno i calabresi trovano il vantaggio. Minuto 55, traversone arcuato verso la testa di Infusino che serve l'accorrente Carrozza: l'attaccante roccellese spara un destro secco imparabile per Bruno. Piove sul bagnato in casa Sant'Agata perché pochi secondi dopo Alagna, ammonito in precedenza, commette una sciocchezza a centrocampo rimediando il secondo giallo. Scosso per la miscela combinata venutasi a creare, gol subito-espulsione, il Sant'Agata rischia di capitolare definitivamente quando ancora Carrozza (57') si mette in proprio lasciando partire un destro dalla distanza insidioso che Bruno deve allontanare, non senza qualche patema, con i pugni. Porta il nome di Cicirello l'immediata, ma timida, reazione dei biancazzurri un tiro debole proprio del capitano. Verso la metà della seconda frazione mister Ferrara cerca di iniettare nuove energie nel motore dei suoi inserendo Manno e Miruku. L'uomo in meno si fa sentire e con fatica i padroni di casa guadagnano metri nella metà campo del Roccella. Al 69' il calcio piazzato dal limite viene battuto sul muro da Costa. Nel frattempo gli amaranto, non appena ci sono dei varchi, si fiondano in avanti alla ricerca del raddoppio. A 10 minuti dal termine Cicirello scodella in mezzo una palla tesa che Commisso smanaccia togliendola dalla testa di un calciatore del Sant'Agata. Sarà l'ultima azione degna di nota del match che si conclude per 1-0 in favore del Roccella. 

IL TABELLINO:

SANT’AGATA (4-3-2-1): Bruno; Biondo (62' Miruku), Brugaletta, Dama (85' Mancuso), Franchina; Costa (82' Giuffrida), Meduri, Cicirello; Mistretta, Aveni (62' Manno); Alagna. A disp.: D’Amico, Monteleone, Marcellino, Cardella, Conti. All. Ferrara.

ROCCELLA: Commisso, Infusino (88' Iacono), Imbriola, Liviera, Coluccio, Malerba, Samake (65' Cuzzilla), De Leonardis (79' Cappellini), Amato, Sidibe, Carrozza (92' Di Franco). A disp.: Faedda, Plati, Lupo, Pietanesi, Rocca. All. Galati.

ARBITRO: Galasso di Ciampino (D’Alessandris-Lanzellotto).

MARCATORI: 55' Carrozza

NOTE: Ammonizioni: Amato, Carrozza, Samake, Liviera (R), Mistretta, Alagna, Manno, Dama, Meduri (S); Espulsioni: 56' Alagna (S).

Fabrizio Frasca

Redazione Goalsicilia
I contenuti vengono rilasciati sotto licenza Creative Commons CC-BY 4.0

Può interessarti anche...

Contattaci

per inviarci i tuoi articoli

Inserisci

le nostre news sul tuo sito

Seguici

sulla nostra pagina facebook

Seguici

sulla nostra pagina twitter

Seguici

sul nostro canale telegram
GoalSicilia.it © 2021 di Marcello Masotto - via G. Savonarola, 60 – 90135 Palermo – P.I. : 06659860826
Testata giornalistica telematica sportiva iscrizione n.3520/2018 al registro stampa del tribunale di Palermo
Direttore responsabile Dario Li Vigni
Loading...