Marina di Ragusa
Marina, Sorbo a GS.it: “Chiediamo ripetizione gara con Troina per errore tecnico dell’arbitro. Spiego cosa è successo...”

Marina, Sorbo a GS.it: “Chiediamo ripetizione gara con Troina per errore tecnico dell’arbitro. Spiego cosa è successo...”


Le esclusive di Goalsicilia.it-Il ds ibleo.

È di poche ore fa la notizia della mancata omologazione da parte del Giudice Sportivo del risultato di Troina-Marina di Ragusa terminata 1-0. A spiegarci i motivi del ricorso è il ds ibleo Cesare Sorbo, queste le sue parole a Goalsicilia.it.

I FATTI: “Siamo proprio in avvio di gara, un nostro giocatore fa un passaggio e la palla viene toccata dall’arbitro distintamente finendo tra i piedi di un altro nostro giocatore che la perde e il Troina va a fare il gol dell’1-0 che durerà fino al triplice fischio”.

LA SITUAZIONE: “Riteniamo dunque che si tratti di errore tecnico, a meno che non sia cambiato il regolamento e non credo, perché al momento del tocco dell’arbitro è prevista la sospensione del gioco. Cosa che non è successa e quindi, ribadisco, si tratta di errore tecnico”.

COSA CHIEDIAMO: “Ovviamente, in caso dovesse essere accertato l’errore tecnico, ci sarebbe la ripetizione della gara. Sono consapevole che non accadrà nulla, ma era doveroso nel rispetto dei nostri tifosi e dei nostri tesserati chiedere chiarezza”.

PROVA TV: “Nelle immagini diffuse, casualmente, l’azione parte proprio dall’istante dopo del tocco arbitrale. In ogni caso, anche se avessimo il video completo, in Serie D la prova tv non è utilizzabile”.

ARBITRO: “Sicuramente lui negherà il tutto, nessun direttore di gara ammeterebbe un errore tecnico. Chi era presente alla partita però ha visto la situazione, abbiamo anche protestato sul momento. A fine gara in modo molto cortese io stesso ho parlato col Commissario di Campo che mi ha detto ‘Ma la palla è rimasta a voi’, cosa che mi ha lasciato perplesso perché in questo caso da regolamento non è previsto il cosiddetto vantaggio ed il gioco doveva comunque essere fermato”.

CASI SIMILI: “Quasi come scherzo del destino, proprio domenica sera mentre tornavamo dalla sfida di Troina, stavo guardando Cagliari-Napoli. Nei primi minuti i campani stavano ripartendo, l’arbitro ha toccato la palla che è rimasta tra i piedi dei giocatori napoletani in contropiede, ma ha fermato tutto. Ribadisco, perché da regolamento se il direttore di gara tocca la palla il gioco deve essere fermato”.

OBIETTIVO: “Ripeto che sono consapevole che questo ricorso non porterà a clamorosi ribaltoni, ma abbiamo deciso di farlo per fare in modo che si presti più attenzione a queste situazioni e che non si ripetano in futuro”.

Dario Li Vigni
I contenuti vengono rilasciati sotto licenza Creative Commons CC-BY 4.0

Può interessarti anche...

GoalSicilia.it © 2020 di Marcello Masotto - via G. Savonarola, 60 – 90135 Palermo – P.I. : 06659860826
Testata giornalistica telematica sportiva iscrizione n.3520/2018 al registro stampa del tribunale di Palermo
Direttore responsabile Dario Li Vigni
Loading...