Trapani
Trapani, Baldini: “La Juve Stabia sarà arrabbiata, noi dovremo esserlo di più. Massima concentrazione…”-La conferenza

Trapani, Baldini: “La Juve Stabia sarà arrabbiata, noi dovremo esserlo di più. Massima concentrazione…”-La conferenza


La conferenza del tecnico granata.

Alla vigilia della sfida contro la Juve Stabia, il tecnico del Trapani, Francesco Baldini, ha presentato così la gara in conferenza stampa. Di seguito i temi affrontati dall’allenatore granata:

CONDIZIONE FISICA “I ragazzi che erano qui già l’anno scorso hanno finito tardi e quindi ci hanno messo un po’ a entrare in condizione, così come quelli fuori rosa. Abbiamo anche recuperato giocatori importanti come Pettinari e Del Prete. Adesso posso fare delle scelte e questo aumenta la competitività del gruppo”.

MARGINI DI MIGLIORAMENTO “Siamo in crescita. Possiamo ancora migliorare tanto, perché questa squadra ha margini di miglioramento importanti. Non so dove potrà arrivare, ma riscontro margini di miglioramento importanti”.

CONCENTRAZIONE “Sono sempre stato concentrato, isolandomi sul lavoro perché questo è l’unica cosa che so fare veramente. Ho ringraziato la società per la fiducia che mi ha dato e per la possibilità di continuare il lavoro che è stato intrapreso fin dal primo giorno”.

DIFFICOLTA’ “Sapevo fin dall’inizio che sarebbe stato difficilissimo. Tutti noi speravamo che queste difficoltà potessero essere di meno. Ho lavorato tanto per la squadra anche questa settimana, nonostante il corso di Coverciano. Continuiamo per la strada che abbiamo tracciato”.

MODULO “A me non piace parlare di schemi di gioco. Questa settimana ne ho sentite di tutti i colori, addirittura che con lo Spezia abbiamo giocato col 4-4-2 (ride, ndr). Questa cosa mi fa piacere, perché quando in una squadra ci sono tante varianti mi piace. Andiamo a occupare degli spazi, lo faremo anche domani. Poi vedremo dove e come partiranno i giocatori in campo. Noi allenatori conosciamo le nostre squadre, con lo Spezia è stata una scelta dettata dal fatto che alcuni non erano al massimo”.

INFERMERIA “Abbiamo fuori Ferretti, Giacomo (Tulli, ndr) ha un problemino alla caviglia che non lo fa stare al cento per cento. Anche Gigi Scaglia ha un problemino. Con lo Spezia ho preferito mandare in campo chi era al massimo, così farò anche domani. Non è comunque detto che non si torni con le due ali piuttosto che il trequartista”.

JUVE STABIA “Domani la nostra squadra dovrà avere la massima concentrazione sotto tutti i punti di vista. La Juve Stabia lavora tantissimo sulle palle inattive e possono risolvere la gara in qualunque momento così. Hanno tantissime varianti e tante schemi diversi su calcio d’angolo. Bisogna studiare tutto. Noi dello staff lo abbiamo fatto e lo abbiamo affrontato con la squadra. La concentrazione dovrà essere massima. Se loro sono arrabbiati noi dobbiamo esserlo di più, perché non abbiamo fatto ancora nulla. E non posso pensare che un mio giocatore possa sottovalutare la partita di domani, questo significherebbe che non ci ricordiamo dov’eravamo fino all’altro ieri”.

FATTORE CAMPO “Giochiamo in casa e il fattore campo dovrà essere determinante. Dobbiamo far sentire il peso di giocare tra le nostre mura amiche, reputo quella di domani una partita molto molto molto importante”.

RABBIA “L’ho già detto, loro saranno arrabbiati dopo cinque giorni di ritiro. Avranno curato ogni minimo particolare, anche se sappiamo che gli mancano dei giocatori importanti. In ogni caso hanno elementi validi anche in panchina e anche se hanno l’attaccante squalificato hanno delle alternative buone. Mi aspetto la mia squadra arrabbiata allo stesso modo, dobbiamo dare continuità a quello che stiamo facendo, non possiamo permetterci la minima deconcentrazione. Finiremo di preparare la gara molto bene”.

TENSIONE “La tensione c’è sempre, ci penso io a tenerla alta. La pressione la dobbiamo avere per tutto l’anno se serve per fare bene. Un gruppo, una squadra, un collettivo non si può permettere di sbagliare una partita dal punto di vista mentale”.

CONCETTO DI SQUADRA “Sentire parlare di squadra è la cosa che mi ha fatto più piacere di tutte. Io ho sempre detto che avrei voluto il Trapani, sentire i ragazzi parlare di squadra vuol dire che abbiamo fatto un bel pezzo di strada”.

LUNGODEGENTI “Corapi ed Evacuo hanno cominciato a corricchiare. Dovranno fare delle visite di controllo, ma vederli in campo mi fa molto piacere. Ferretti dovrà fare un interventino fra qualche giorno, purtroppo perdiamo Martina per i tempi di recupero di un’operazione al crociato. Tulli e Scaglia rimangono non al cento per cento, ma verranno in panchina e potranno far parte della partita”.

SQUADRA CHE VINCE NON SI CAMBIA “Non sono un amante di questo detto, però non si sa mai e magari…”.

Luca Di Noto
I contenuti vengono rilasciati sotto licenza Creative Commons CC-BY 4.0
GoalSicilia.it © 2019 di Marcello Masotto - via G. Savonarola, 60 – 90135 Palermo – P.I. : 06659860826
Testata giornalistica telematica sportiva iscrizione n.3520/2018 al registro stampa del tribunale di Palermo
Direttore responsabile Dario Li Vigni
Loading...