Trapani, Giuliano: ­“Abbiamo scongiurato cancellazione del club. Dipendenti non pagati? Spiego...­“

Trapani, Giuliano: ­“Abbiamo scongiurato cancellazione del club. Dipendenti non pagati? Spiego...­“

Dopo la fuga di notizie di ieri, su venti dipendenti granata non pagati, il Trapani prende posizione, nelle parole dell'avvocato Paolo Giuliano. Qui la nota integrale:

"È di pubblica evidenza e conoscenza che la stessa Alivision, dopo la lunga e soddisfacente gestione Morace ed il “per fortuna” breve periodo FM Service, ha scongiurato la cancellazione del Trapani dal calcio professionistico; ha dovuto poi ricostituire e notevolmente incrementare un capitale sociale depauperato dalla suddetta gestione FM Service che, cosa altrettanto pubblica, è oggi al vaglio della Procura della Repubblica di Trapani nell’ambito di un procedimento in cui sono indagate tre persone ed il Trapani Calcio e Alivision sono parti offese; mentre il Trapani Calcio, di cui Alivision è socio unico (e solo), in un momento tra i più difficili della storia mondiale non solo economica, in un momento di crisi globale in cui è difficile riscuotere crediti liquidi ed esigibili, grazie anche al lavoro incessante, qualificato e responsabile del nostro Direttore Generale Giuseppe Mangiarano, sta continuando il lavoro iniziato questa estate, volto anche a valorizzare tramite il calcio il nome di tutta la Città; sta continuando e continuerà, nonostante tutte le imprevedibili difficoltà di oggi, a mantenere i propri impegni finanziari.

La notizia principale relativa al sollecito di pagamento delle spettanze arretrate da parte di venti dipendenti viene annunciata prima della scadenza del 10 aprile data dagli stessi dipendenti, come lo stesso estensore dell’articolo mette in rilievo, senza quindi neanche concedere il beneficio della scadenza del suddetto termine a chi ha ricevuto l’ultimatum.
Il giudizio sull’operato degli amministratori, ma sarebbe più giusto dire la pagella data la maggiore dimestichezza con tale più semplice metodo di valutazione…, viene anticipato frettolosamente rispetto al tempo in cui si faranno i bilanci, di esercizio e di fine campionato, e quindi dato a termini non ancora scaduti, salvo preoccuparsi di sottolineare, errando ancora una volta (non sappiamo quanto in maniera scusabile), un penultimo posto in classifica quando la classifica invece dice terz’ultimo posto, con dati statistici relativi alle prestazioni ed ai punti fatti nel girone di ritorno neanche minimamente analizzati!

Per quanto riguarda infine il perentorio invito ad Alivision ( che si sottolinea “finché ha potuto ha sostenuto” il Trapani) a trovare una soluzione rileviamo che, per quanto consegnato in un momento così drammatico e con cotanta eleganza, appare superfluo perché Alivision ed i dirigenti del Trapani lavorano ogni giorno, insieme ai propri dipendenti (che nessuno avrebbe mai voluto mettere in difficoltà), per poter fare in modo che lo spettacolo del calcio possa ancora rallegrare in futuro i cittadini e gli splendidi tifosi del Trapani, che meriterebbero non la B ma la serie A, in un momento in cui il bene supremo della salute, la vita dei dipendenti di una società che opera nel settore trasporti aereoportuali e la preoccupazione per il futuro dell’economia dell’intero Paese dovrebbero rappresentare, anzi rappresentano, argomenti altrettanto importanti. In un momento, ma anche prima di questo momento, in cui nessun soggetto ha mai manifestato interesse per le vie ufficiali, insieme ad uno staff di ipotetici migliori amministratori, per le sorti del Trapani Calcio. Forse perché la soluzione migliore possibile è sempre quella di lasciare che siano altri ad investire in un settore che già prima presentava più rischi che vantaggi figuriamoci adesso…, salvo criticare e tentare di infangare appena possibile anche a mezzo stampa, o servendosene, chi oggi sta operando pur con difficoltà in questo mare procelloso per difendere Trapani dai Saraceni".

I contenuti vengono rilasciati sotto licenza Creative Commons CC-BY 4.0

Breaking News

00:47 Ex Catania, Colucci: “Faccio scouting, scovo talenti per l'Empoli. Ho scelto di non allenare perché...”00:28 CoronaVirus: anche in Svizzera, Albania e Giappone si torna in campo00:09 Igea 1946, Genovese: “Mercato? Priorità a questo club, sono sicuro che presto saremo in serie D...”23:50 Marineo, Di Peri: “Adesso dobbiamo cominciare a programmare la prossima stagione”23:31 Marina di Ragusa, Pietrangeli: “Bel ricordo il pareggio in casa del Savoia. Col Palermo abbiamo perso, ma avremmo meritato...”23:12 AIC, Calcagno: “Bisogna evitare gare in orari pomeridiani. Su format, contratti, calciomercato e prossima stagione...”22:53 Sant'Agata, Ortoleva: “Non posso garantire certezze al momento, ma qui c'è grande fame di calcio”22:34 Akragas, Russello: “Importante capire che tipo di budget ci servirà, siamo convinti di avere le carte in regola per la D”22:15 Acireale, Pitarresi: “Obiettivo è andare avanti, sogno di salire e arrivare in serie A”21:56 CoronaVirus: anche la Spagna riparte, la Liga torna in campo l'11 giugno21:37 Catania, Astorina: “Il club è sempre stato in vendita. Abbiamo cinque giorni per consegnare documentazione al Tribunale...”21:18 Paternò, Truglio: “Tra le gare di quest'anno rigiocherei quella col Sant'Agata, ma ricordo anche sfida con l'Enna”20:59 Serie A: si ricomincia il 19 giugno da Bergamo, il nuovo calendario completo20:46 UFFICIALE - Catania: Astorina amministratore unico del club20:40 Ministro Sport, Spadafora: “Ripartire adesso è giusto, ma era assurdo chiedermelo un mese fa...”20:28 UFFICIALE - Acireale: riconferma per il ds Chiavaro e per mister Pagana
GoalSicilia.it © 2020 di Marcello Masotto - via G. Savonarola, 60 – 90135 Palermo – P.I. : 06659860826
Testata giornalistica telematica sportiva iscrizione n.3520/2018 al registro stampa del tribunale di Palermo
Direttore responsabile Dario Li Vigni
Loading...