Eccellenza B
Eccellenza/B: Top&Flop della 3^ giornata

Eccellenza/B: Top&Flop della 3^ giornata


Tra i promossi Cocuzza (Paternò), Ricca (Rosolini), Ragusa. Bocciati...

Torna la rubrica dei Top&Flop di Eccellenza. Con Goalsicilia.it, ogni martedì, andremo a vedere i migliori e i peggiori di giornata. Di seguito promossi e bocciati della 3^ giornata del girone B.

FLOP

3° PALAZZOLO Seconda sconfitta consecutiva. Sicuramente contro avversarie forti come Sant'Agata e Ragusa, sicuramente dopo prestazioni tutt'altro che da buttare. I gialloverdi giocano, creano ma poi non concretizzano. E allora è normale finire dietro la lavagna perché anche con tutte le attenuanti del caso, la partenza non è delle migliori. CLAUDICANTE

2° ENNA Tre sconfitte in altrettante partite, un inizio che tutti aspettavano diverso da parte dell'Enna, probabilmente, anzi sicuramente, anche la stessa società e la stessa squadra. Il materiale tecnico e umano c'è, il Paternò è sicuramente tra le più forti ma il passivo è sembrato pesante. SCOSSA CERCASI

1° SP. PEDARA Dopo aver affrontato nelle prime due giornate due squadroni come Ragusa e Sant'Agata, domenica cominciava il vero campionato del Pedara. Sicuramente perdere in casa contro un diretto avversario verso la salvezza come il Rosolini non è il miglior biglietto da visita. DA RIVEDERE

TOP

3° RAGUSA Personalità, spirito di sacrificio e tre su tre. Il Ragusa esce come un pugile dallo 'Scrofani Sallustro' di Palazzolo, con una vittoria di lotta dove ha saputo incassare e colpire. Non c'è dubbio che l'uomo in più abbia giovato ma intanto gli uomini di Settineri sbancano il campo di una diretta concorrente e si accomodano a guardare tutti dall'alto. AMBIZIOSI

2° RICCA (Rosolini) Tre gol in altrettante partite, l'ultimo domenica è decisivo e vale l'intera posta in palio. Il centrocampista del Rosolini, sempre più bandiera, ancora una volta si carica la truppa di Trombatore sulle spalle e si candida alla consacrazione definitiva. CRESCIUTO

1° COCUZZA (Paternò) Quando l'età è un numero, quando la categoria non conta. Rimettersi in gioco sembra facile ai più, sembra scontato che il nome e la storia siano garanzia di successo. Ma nome e storia non scendono in campo, sul terreno di gioco ci vanno carne ed ossa, ci vanno muscoli e tecnica, ci vanno testa e grinta. Salvatore Cocuzza ad Enna ha messo in evidenza tutto il suo repertorio trascinando il Paternò alla vittoria con gol, assist e tante giocate. Ma non andategli a dire che è stato facile. RIVINCITA?

Vittorio Damiani
I contenuti vengono rilasciati sotto licenza Creative Commons CC-BY 4.0
GoalSicilia.it © 2019 di Marcello Masotto - via G. Savonarola, 60 – 90135 Palermo – P.I. : 06659860826
Testata giornalistica telematica sportiva iscrizione n.3520/2018 al registro stampa del tribunale di Palermo
Direttore responsabile Dario Li Vigni
Loading...