Trapani
Trapani, che disastro! Il Cittadella fa festa con il minimo sforzo

Trapani, che disastro! Il Cittadella fa festa con il minimo sforzo


Il servizio di Salvatore Puccio. Tante occasioni sciupate dai granata alla ricerca della loro identità.

Sonora sconfitta del Trapani per 2 reti a 0 ad opera della capolista Cittadella, neo promossa in serie B, ma che sembra si sia calata subito in questo campionato. Infatti i ragazzi di Venturato dopo un primo tempo rimasti a controllare le anemiche offensive granata, sornioni, sornioni sono usciti fuori nella ripresa punendo con un uno-due i granata. Complice un Trapani, alquanto disastroso, che ha giocato una gara senza né capo e né coda in cui le assenze di cinque titolari, hanno pesato tantissimo alla fine dei 90 minuti.

Cosmi si è affidato ancora al suo 3-5-2, riproponendo in attacco la coppia d'inizio campionato De Cenco-Ferretti. I due attaccanti granata si sono dati un gran da fare ma se con loro in campo non si gioca con dei traversoni dalle fasce non si possono sfruttare i loro centimetri. Venturato conferma il suo 4-3-1-2, cambiando qualche interprete reduce della sonora sconfitta casalinga contro il Brescia. Ha affiancato Valzania e Bartolomei a coadiuvare capitan Iori in cabina di regia, al posto di Schenetti e Lora ed in avanti ha lasciato in panca Strizzolo preferendogli Arrighini.

Un primo tempo con pochissime emozioni in cui i padroni di casa molto faticosamente cercavano la via del gol e gli ospiti, ben messi in campo, senza tante difficoltà, controllare l'avversario. L'assenza di Scozzarella si faceva sentire tra le fila granata, perché Colombatto, forse è troppo giovane ancora per prendersi il peso del centrocampo, ancor più quando i più esperti compagni di reparto Nizzetto e Barillà non stanno attraversando sicuramente un buon momento.

Le emozioni scattano nella ripresa, quando i veneti non vogliono stare più a guardare ed accennano qualche trama pressando più alto i locali e riuscendo a sbloccare la partita, al 7', con un tiro del capitano Iori che da trenta metri sorprendeva Guerrieri, che sfiorava solamente la sfera che s'insaccava nell'angolino basso alla sua destra. Lo spettro di una sconfitta in casa (l'ultima risaliva a Febbraio scorso contro il Latina, 2 a 1 per i pontini), induceva Cosmi ad inserire una punta, Citro, richiamando uno spento Fazio e passando ad un 4-3-3.

Ma sono ancora gli ospiti a sfiorare il raddoppio al 54' con una punizione di Bartolomei con Guerrieri che con un colpo di schiena alza sopra la traversa. A questo punto esce fuori un pò l'orgoglio dei granata ed è proprio il subentrato Citro al 59' a liberarsi bene al tiro, ma al momento di calciare colpisce di esterno sinistro e manda la palla sul fondo. Al 62', l'azione più clamorosa per l'undici di Cosmi: il tiro di Ferretti che batte a colpo sicuro e la sfera si va ad infrangere sulla traversa. Prova Ferretti al 66' ma la sua girata di testa viene deviata in angolo da Alfonso. Girandola di sostituzioni, al 70' Venturato fa entrare in campo Kouame al posto di Arrighini a dar fastidio in avanti ai padroni di casa. E proprio in un inopinato passaggio indietro di Balasa al suo portiere il n. 27 veneto va a contrastare l'estremo difensore locale, rubandogli la sfera e servendo Litteri che tutto solo raddoppiava per la sua squadra.

Correva il 79' e la partita finisce qui. Nulla è valso l'ingresso in campo del croato Kresic inserito da Cosmi nel ruolo di centravanti e buttato nella mischia per sfruttare la sua altezza. Un cambio della disperazione per Cosmi utilizzare un difensore in avanti. Al triplice fischio la delusione è tanta, perché chi si aspettava contro il Cittadella la prima vittoria in campionato ha dovuto assistere ad una brutta sconfitta, che apre una vera e propria crisi in casa granata, dove l'unico e solo attenuante rimane l'assenza di giocatori importanti come Scozzarella, Petkovic, Coronado, Raffaello e Machin.

Però il campionato di serie B non aspetta nessuno e credo che da questa sera bisogna rimboccarsi molto le maniche per risalire al più presto la china di una classifica che oggi vede impietosamente i granata relegati al penultimo posto in classifica, con il Latina che deve ancora giocare. E chi lo sa se domani si rischia di essere ancora più giù.

Salvatore Puccio

Redazione Goalsicilia
I contenuti vengono rilasciati sotto licenza Creative Commons CC-BY 4.0
GoalSicilia.it © 2020 di Marcello Masotto - via G. Savonarola, 60 – 90135 Palermo – P.I. : 06659860826
Testata giornalistica telematica sportiva iscrizione n.3520/2018 al registro stampa del tribunale di Palermo
Direttore responsabile Dario Li Vigni
Loading...