Serie D
 
 

Gela, Mendola: “Passo indietro irrevocabile, col Bari scene da terzo mondo. Non vogliamo assistere alla fine di questa realtà“


Il comunicato della dirigenza biancazzurra

Gela, Mendola: “Passo indietro irrevocabile, col Bari scene da terzo mondo. Non vogliamo assistere alla fine di questa realtà“

Lungo comunicato del Gela all'indomani della gara contro il Bari. Di seguito in versione integrale:

La Dirigenza del Gela Calcio, dopo avere analizzato i fatti di questi mesi e da ultimo quanto accaduto nell’ultima settimana, non senza rammarico, ha preso la decisione di ritirarsi e contestualmente la proprietà di disimpegnarsi dalla guida del Gela Calcio nonché nel sostegno economico, in maniera irrevocabile, facendo un passo indietro a favore di tutti i colori che vogliono portare avanti questa squadra, perché non si vuole essere responsabile della fine del calcio a Gela.

Si tratta di una decisione sofferta, in un momento in cui il Gela Calcio sta lottando per la zona playoff, ma assolutamente inevitabile. Sicuramente non è maturata dopo la sconfitta con il Bari, in quanto la squadra merita solo il plauso della Dirigenza, per come si sono battuti contro un avversario blasonato come il Bari. L’esperienza calcistica a Gela della famiglia Mendola può considerarsi definitivamente chiusa, nonostante tutti gli sforzi profusi in questi tre anni, sia economici che personali.

L’idea di calcio come volano della cultura e della legalità, come momento di emancipazione sociale per tanti giovani purtroppo, non trova accoglimento e non riesce a radicarsi in questa città e non trova alcun sponsor per sostenere questo progetto. Tutti assistono inerti ogni domenica, e sono ormai tante le domeniche, allo scempio di vedere ragazzi, bambini, uomini e donne, accalcati sui balconi attorno allo stadio “Vincenzo Presti” in condizioni assolutamente precarie, senza la benché minima cura della sicurezza.

Tutti sono spettatori inerti di fronte alla morte lenta e inesorabile della prima espressione calcistica della città, ben sapendo la difficoltà, in questo momento, di trovare una sponsorizzazione che possa in qualche modo consentire di dare continuità al progetto, vista anche l’assenza di incassi importanti come poteva essere quello di ieri con uno stadio fruibile, secondo le promesse ricevute.

Tutti gli appelli sono rimasti senza alcun riscontro tangibili in termini di sostegno economico e anche in termini di vicinanza a questa società. Le motivazioni di questa scelta sono sotto gli occhi di tutti, e non sono certo da rintracciare nel diniego a giocare nello stadio Dino Aliotta da parte della lega Calcio o del Bari, i quali hanno solo fatto leva sul rispetto dei regolamenti e come tale il Gela si è attenuto. La scelta ha motivazioni che esulano dalla singola partita o dal diniego, ma sono da rintracciare nell’incapacità di tutti i gelesi di dimostrare la voglia di riscatto di questo territorio. Con ieri abbiamo detto basta perché si è toccato il fondo Per noi il calcio è prima di tutto dignità per il tifoso, per l’atleta, per il tifoso avversario, al di là del risultato.

Questa società non può assistere a scene da “terzo Mondo”, con tifosi accalcati su balconi senza parapetto per vedere la loro squadra, con tifosi avversari del Bari (circa 30) ospitati sugli stessi balconi prospicenti lo stadio e una squadra che non può avere il sostegno del suo pubblico. Senza considerare le ricadute di quelle immagini, che abbiamo visto tutti in diretta su DAZN, sul territorio nazionale, veicolati dai tanti giornalisti presenti, con una tribuna stampa affollatissima, ma improvvisata a bordo campo. Gela non merita questo.

Noi non possiamo più tollerare questo stato di cose, non possiamo e non vogliamo fare calcio in questo modo. Non possiamo ancora una volta vedere e fare finta di niente. Di fronte a questa emergenza che è sotto gli occhi di tutti da “275 giorni” noi non ci arrendiamo ma denunciamo forte queste stato di cose, perché non possiamo più assistere a questo spettacolo. Adesso basta si è deciso di non continuare più.

A questo punto non è la dirigenza che chiede una risposta, ma è la squadra che oggi merita una risposta, sono i tifosi che meritano una risposta e Gela che merita una risposta. Chiediamo al Commissario Straordinario di adoperarsi, stante la sua funzione istituzionale, affinchè risolva la situazione per evitare che il titolo oggi possa andare perduto, attraverso l’ingresso di nuovi soggetti disposti a rilevare l’intera società.

Il Presidente

Vittorio Damiani
I contenuti vengono rilasciati sotto licenza Creative Commons CC-BY 4.0
 
 

Articoli correlati

12/07/2019 - Gela, presentata l'iscrizione in D anche se incompleta: “Vogliamo tutelare il patrimonio calcistico della città, ma...” 19/06/2019 - Gela: la dirigenza conferma il proprio disinteresse e diserterà un incontro sullo stadio 'Presti' organizzato dall'amministrazione 17/03/2019 - Orgoglio Gela: rimonta nella ripresa, battuta Sancataldese 3-1-Cronaca e tabellino 17/02/2019 - Al Gela non basta Ragosta: il Rotonda ferma i biancazzurri sull'1-1-Cronaca e tabellino 12/01/2019 - Al Gela basta una rete del nuovo arrivo Retucci, Città di Messina battuto di misura-Cronaca e tabellino 20/03/2018 - Gela, la società annuncia il disimpegno e i calciatori mostrano l’orgoglio: “Pronti a onorare la città e la maglia” 16/03/2018 - Gela, game over? La società biancazzurra getta la spugna: “Nostri propositi erano buoni, la politica locale è assente” 04/03/2018 - Gela scatenato, cinquina! Il Messina cade con la Vibonese, anche l’Acireale va k.o. 11/02/2018 - Il Gela torna a sorridere, scivola ancora la Sancataldese. Paceco k.o. con l’Ebolitana-I resoconti 22/11/2017 - Gela, che doccia fredda! Avanti in dieci fino alla fine, poi la Vibonese fa 1-1 in pieno recupero-Cronaca e tabellino 29/10/2017 - Vola l'Acireale, bene il Gela. Pizzolato non basta al Paceco-I resoconti 20/10/2017 - Gela, comunicato ufficiale della società: la squadra non andrà a Palmi 17/10/2017 - Gela, botta e risposta Tuccio-Mendola: ‘Squadra aveva bilanci ok’-‘Rigirano frittata, Ponzio Pilato...' 15/10/2017 - Serie D: Gela rimonta e cala il tris, Troina pareggia ma è primo, notte fonde a Messina-Resoconti e tabellini 04/10/2017 - Coppa Italia serie D: il Gela espugna Acireale, l’Igea Virtus cala il poker con la Palmese 24/09/2017 - Serie D: pari di rigore nel derby tra Messina e Gela. La Sancataldese resiste in dieci, 1-1 a Eboli-I resoconti 12/07/2017 - Gela, il club passa di mano. Finisce l’era Tuccio, Mendola è il nuovo presidente. Iscrizione in D già effettuata 14/05/2017 - Igea Virtus e Gela fuori dai play off: avanzano Cavese e Rende 07/05/2017 - Gela corsaro sul campo della Sarnese: play off! Cadono Igea Virtus, Sancataldese e Sicula Leonzio 22/12/2016 - Bonanno risponde a Tedesco: il Gela fa 1-1 sul campo della Turris-Cronaca e tabellino 20/11/2016 - Sorridono Gela, Sancataldese e Due Torri. Sicula Leonzio: che batosta nel derby con l’Igea Virtus 13/11/2016 - Gela corsaro col Roccella, bene l’Igea. Reti bianche per la Sancataldese, cadono Leonzio e Due Torri 11/09/2016 - Serie D: poker del Gela. Bene anche Sancataldese e Leonzio. Ko per il Due Torri 25/08/2016 - Caos Gela: le chiavi della società consegnate al sindaco 02/08/2016 - Gela: ds Martello, mister Brucculeri e squadra in coro “Se Tuccio va via ce ne andiamo tutti» 30/07/2016 - Gela: comunicato della curva Boscaglia su situazione Tuccio-stadio Presti 30/07/2016 - Caos Gela: comunicato congiunto staff tecnico-squadra dopo dimissioni Tuccio 29/07/2016 - Clamoroso a Gela: presidente si dimette, società in vendita-il comunicato 27/07/2016 - Gela: comunicato pesante della società “Vedremo se ci sono le condizioni per fare la D” 14/07/2016 - Serie D, Gela: mercato caldissimo, nelle ultime ore ufficializzati tanti colpi in entrata 25/05/2018 - Gela, il disimpegno della famiglia Mendola: “Nessun presupposto per continuare. Cediamo il club a zero euro”
GoalSicilia.it © 2019 di Marcello Masotto - via G. Savonarola, 60 – 90135 Palermo – P.I. : 06659860826
Testata giornalistica telematica sportiva iscrizione n.3520/2018 al registro stampa del tribunale di Palermo
Direttore responsabile Dario Li Vigni
vai siciliaL'ultim'ora del calcio sicilianoLe ultime 24 ore del calcio in siciliaLe serie minori del calcio in trinacria
Loading...