Akragas
Akragas, la doppietta di Marino non basta: con la Reggina è 2-2 all’Esseneto-cronaca e tabellino

Akragas, la doppietta di Marino non basta: con la Reggina è 2-2 all’Esseneto-cronaca e tabellino


Secondo pareggio interno per l'Akragas che ferma sul pari la squadra amaranto.

Un dato certo da cui partire in questo pomeriggio dell’Esseneto: il pubblico si è divertito e non ha mai avuto un momento di noia o di ‘riposo’. Già prima del match, ad offrire emozioni ci pensa il cielo con fulmini minacciosi e nuvoloni neri che fanno temere il peggio circa l’inizio regolare della sfida tra Akragas e Reggina, ma i raggi di sole a pochi minuti dal via della partita scongiurano ogni peggiore evenienza. La sfida poi, è un susseguirsi di colpi di scena, brividi e quattro gol che testimoniano una certa vivacità vissuta in tutti e 90 minuti.

PRIMO TEMPO: Le due squadre partono piuttosto aggressive ed è l’Akragas, con un tiro di poco a lato di Salandria, ad aprire le danze al minuto 5; la fase di studio tra la formazione biancazzurra allenata da Di Napoli e quella calabrese guidata da Karel Zeman dura tutto sommato poco: il nome che meno ti aspetti sblocca il match al 14’ minuto. Infatti, su calcio d’angolo, capitan Marino (al rientro dopo un lungo stop) svetta di testa ed insacca la rete del vantaggio dell’Akragas, con il difensore che sembra quasi incredulo di aver iscritto il proprio nome nella casella dei marcatori. La Reggina accusa il colpo ed i biancazzurri di casa acquisiscono morale e fiducia e sembrano compattarsi lungo tutta la prima mezzora del primo tempo, ma ecco che proprio il capitano autore del pareggio commette un’ingenuità difensiva regalando palla all’altro capitano, a quel Coralli che con la sua maglia numero nove si invola verso Pane il quale esce bene sull’attaccante amaranto che viene però favorito da un rimpallo e si ritrova nuovamente il pallone tra i piedi e questa volta il numero biancazzurro in uscita è quasi ‘costretto’ ad atterrarlo. Per l’arbitro è rigore e per l’estremo difensore biancazzurro scatta la nuova regola che prevede solo ammonizione; il tutto accade al minuto 33, dal dischetto si presenta lo stesso Coralli che spiazza Pane ed insacca la rete del pari. L’Akragas a questo punto corre subito per rimettere le distanze con la Reggina, al 37’ è Longo a sfiorare il palo alla destra del portiere calabrese, dopo un minuto la formazione di Di Napoli è di nuovo nell’area avversaria ed una serie di batti e ribatti fa carambolare il pallone tra i piedi dell’accorrente Marino, il quale insacca un’inedita doppietta; per lui sembra la domenica perfetta, eccezion fatta per l’errore che ha comportato il rigore: ritorno con fascia di capitano e due gol che mettono l’Akragas nella condizione di andare al riposo in vantaggio. Per la verità i biancazzurri sciupano anche una palla gol al 42’, quando Zanini calcia di fatto un rigore in movimento parato con un’autentica prodezza da Sala.

SECONDO TEMPO: Nella seconda frazione, la Reggina vuol tirare fuori il carattere: anche se ha subito un doppio svantaggio, sente proprie le potenzialità di portare a casa almeno un pari e così al rientro dagli spogliatoi ha subito due occasioni entrambe con Oggiano che fanno temere il peggio ai tifosi di casa. Al 51’ il pressing amaranto inizia a dare i suoi frutti: ancora Oggiano si invola verso l’area di rigore della squadra di casa ma viene prima atterrato da capitan Marino; secondo l’arbitro è fallo e per giunta da ultimo uomo e dunque per l’eroe del primo tempo arriva la doccia anticipata. E’ questo l’episodio che senza dubbio cambia il match; l’Akragas è costretta in dieci per quasi 40 minuti di gioco, Di Napoli fa subito entrare Riggio per Cocuzza per cercare di eliminare la falla difensiva provocata dal cartellino rosso del protagonista assoluto (nel bene e nel male) di giornata.La Reggina forza i tempi, ma i biancazzurri tengono; diverse le occasioni per i calabresi, Pane viene chiamato a numerose uscite, il pubblico dell’Esseneto trattiene il fiato e soffre insieme agli 11 biancazzurri in campo. Gli amaranto cercano di sfruttare anche il fiato molto corto dei giocatori di casa, che ancora una volta nel secondo tempo iniziano a calare fisicamente e cedono terreno agli avversari; il muro sembra reggere, ma su calcio d’angolo all’87’ minuto De Francesco è lesto a mettere lo zampino su un pallone scodellato rasoterra in area ed a mettere dentro la palla del pareggio. Come dopo aver subito il gol nel primo tempo, anche questa volta l’Akragas accelera subito per cercare di rimettere in sesto il match ed all’88 Salandria riesce a trovare un varco per accelerare ed immolarsi verso la porta reggina ma Sala dice di no e compie una parata che salva il pareggio agli uomini di Zeman.

Finisce così la partita, con un punto a testa certamente più comodo per gli amaranto (sotto la porzione di stadio riservata ai tifosi ospiti per festeggiare con loro il pareggio) che non invece per l’Akragas che all’Esseneto si fa raggiungere per tre volte dopo essere passata in vantaggio: è accaduto con la Vibonese nella prima giornata, è accaduto oggi per ben due volte e dunque almeno quattro punti sono già stati lasciati sul campo. Complessivamente comunque, la squadra sembra avere una propria fisionomia ed una propria identità; la base indubbiamente c’è, gli spunti da interpretare positivamente non mancano, ma preoccupano i cali fisici del secondo tempo (in cui ha subito 6 dei 7 gol presi nelle prime tre giornate), la poca brillantezza degli attaccanti ed a questo bisogna aggiungere gli errori individuali causati spesso dalla giovane età.

C’è quindi da lavorare, ma non da ripartire comunque da zero: adesso, in queste poche ore che separano l’Akragas dalla trasferta di Fondi nel turno infrasettimanale, c’è da recuperare energie fisiche e mentali per provare a sbloccare la casella delle vittorie in campionato.

IL TABELLINO
AKRAGAS-REGGINA 2-2

AKRAGAS: Pane; Scrugli, Zanini, Pezzella, Marino, Carillo, Carrotta, Salandria, Gomez (81’ Cochis), Longo (63’ Salvemni), Cocuzza (52’ Riggio). All.: Di Napoli.

REGGINA: Sala; Gianola, Kosnic, Porcino, Botta, Cane (70’ Maesano), Bangu ( 45’ Knudsen), Possenti (78’ Tommasone), De Francesco, Oggiano, Coralli. All.: Zeman.

MARCATORI: Marino (Akr) al 14’, Coralli (Reg) al 33’, Marino (Akr) al 38’, De Francesco (Reg) al 87’.

ARBITRO: Alessandro Chindemi di Viterbo

NOTE: Ammoniti: Pane, Zanini e Salandria per l’Akragas, Botta e Possenti per la Reggina. Espulso: Marino al minuto 51.

Mauro Indelicato
I contenuti vengono rilasciati sotto licenza Creative Commons CC-BY 4.0

Può interessarti anche...

11/10/2020 - Ecc./A: continuano a marciare Akragas e Canicattì, bene Misilmeri, Sancataldese e Mazara-I resoconti 03/10/2020 - Akragas: serve super Gambino per battere un ottimo Marsala-Cronaca e tabellino 15/12/2019 - Ecc./A: Akragas in extremis la spunta sul Dattilo. Bene anche Sancataldese e Canicattì-I resoconti 13/10/2019 - Ecc. A: ruggito Akragas, ok anche Misilmeri e Sporting Vallone. Pari tra Mazara e Castellammare-I resoconti 04/02/2018 - Akragas è viva e batte un colpo: buon 1-1 con la Casertana-Cronaca e tabellino 03/12/2017 - Akragas, è la vittoria di Di Napoli e dei suoi ragazzi terribili: con la Reggina è 1-0-Cronaca e tabellino 23/09/2017 - Akragas corsara, Vono para tutto e Longo finalizza: vittoria sulla Casertana-Cronaca e tabellino 17/09/2017 - L’Akragas c’è, ma non si vede... 24/08/2017 - Akragas: il calendario completo 2017/18 28/05/2017 - Favola Akragas, contro Melfi 1-1: in un festante Esseneto il Gigante resta in Lega Pro-Cronaca e tabellino 19/03/2017 - Akragas: battuta la corazzata Matera nel segno di Totò Cocuzza-Cronaca e tabellino 28/01/2017 - Akragas, standing ovation per i ragazzini terribili: col Fondi è 2-2 in rimonta-Cronaca e tabellino 03/12/2016 - Gigante Akragas espugna il campo della Casertana: 0-1 firmato Salvemini-Cronaca e tabellino 23/10/2016 - Akragas con la sindrome del pareggio: Marino salva i biancazzurri-Cronaca e tabellino 26/09/2016 - Il Gigante ‘schiaccia’ l’Elefante: Agrigento adesso si stringe attorno all’Akragas 25/09/2016 - Delirio Akragas al Massimino, Catania beffato all'ultimo respiro-Cronaca e tabellino 18/09/2016 - Akragas, ecco il primo acuto stagionale: 2-1 alla Virtus Francavilla-cronaca e tabellino

Contattaci

per inviarci i tuoi articoli

Inserisci

le nostre news sul tuo sito

Seguici

sulla nostra pagina facebook

Seguici

sulla nostra pagina twitter

Seguici

sul nostro canale telegram
GoalSicilia.it © 2020 di Marcello Masotto - via G. Savonarola, 60 – 90135 Palermo – P.I. : 06659860826
Testata giornalistica telematica sportiva iscrizione n.3520/2018 al registro stampa del tribunale di Palermo
Direttore responsabile Dario Li Vigni
Loading...